domenica 4 ottobre 2015

Drakon City

Ben ritrovati, finalmente quest'oggi parlerò di altro lasciando perdere la mia fissazione per i film muti. (sospiri di sollievo in sottofondo)
Recentemente sono venuta in possesso di diverse opere realizzate da artisti Italiani, e quindi aspettatevi un po' di post a tema.
Partiamo con Drakon City, fumetto ideato da Laura Santus ed Andrea Loi, che parla di Connor e Adam, due scanzonati ed intrepidi cacciatori di taglie sempre alla ricerca di nuovi (e buoni) affari, accompagnati nei loro viaggi da Sparky, il fedele robottino multifunzione.
Il primo smilzo volumetto dell'opera, raccoglie le tavole già pubblicate nella pagina Facebook dedicata.
Ad una prima rapida occhiata posso dire che questo albo costituisce un'eccellente partenza per un progetto a mio parere promettente, che se curato a dovere potrebbe conquistare i cuori di molti.
Connor  ed Adam sono entrambi molto carini ed affascinanti (anche se ammetto di avere un debole per Connor ), ben disegnati e caratterizzati con un tratto pulito, semplice ed efficace.
Sparky suscita simpatia, e contemporaneamente una gran voglia di reprimerlo come i porcellini d'india in Alice nel Paese delle Meraviglie, per via della sua indole chiassosa.
La storia è appena accennata; come dicono gli autori stessi al termine del volumetto, si tratta unicamente di un'introduzione per consentire al pubblico di fare conoscenza dei personaggi, lasciando molte cose in sospeso con un cliffhanger finale foriero di sorprese, guai ed avventure per i due cacciatori.
Mi è piaciuta la scelta della carta, che il mio occhio da profana ha trovato molto adatta allo stile di disegno presentato, mi sono piaciuti gli schizzi a termine dell'albo, ma ho trovato eccessivamente frettoloso il susseguirsi degli eventi.
I dialoghi meriterebbero maggiore cura ed un uso più misurato di puntini di sospensione e punti esclamativi, e in generale credo che se in futuro i due autori vorranno dare maggior respiro alla narrazione, tutto l'insieme ne guadagnerà notevolmente.
Essendo un'auto produzione sappiamo bene quanti e quali siano i costi di realizzazione, e lunghi i tempi per stampa ed altro, quindi comprendo appieno la necessità di comprimere la storia in poche tavole.
A mio parere Drakon City ha molto potenziale, i personaggi ci sono e funzionano, e la storia... con due tipi così suppongo ne vedremo delle belle, unendo avventura e comicità in un mix coinvolgente che ho già visto in Crossing Masters, opera a fumetti di Laura Santus che potete leggere seguendo il link o sulle pagine di Doraetos Manga, rivista online dedicata agli autori emergenti sia Italiani che esteri.
E per finire in bellezza vi mostro quanto Laura ha messo nel pacchetto assieme all'albo, così da farvi sbavare un pochino e mostrarvi i protagonisti, che, ne sono certa, sapranno attirare la vostra attenzione.


Adam e Connor assieme a Sparky


Primo volume e stampa tavola in formato A4

Lui non c'entra con Drakon City, lui è Zilar, un mio personaggio.
Commissionai il disegno a Laura mesi fa, ed ho finalmente ricevuto l'originale.
*Felicità*
Chi volesse leggere la storia del quale è protagonista, clicchi QUA.

Nessun commento:

Posta un commento